Analisi predittiva e smartcites: ecco come le città continuano ad evolvere e a diventare sempre più futuristiche.

Smartcities: il futuro che avanza

Le smartcities non rappresentano solo un’idea astratta, ma stanno diventano sempre più una realtà concreta.
Realtà concreta che giorno dopo giorno modifica le nostre città, le rende più intelligenti e più funzionali alle necessità dell’uomo.

Giulia Baccarin, CEO di MIPU, afferma:

“Le città intelligenti possono definirsi tali solo se sono in grado di porsi al servizio della tutela dell’ambiente e del benessere dei cittadini.”

Quindi, per loro natura, devono partire dalle esigenze dell’uomo quanto da quelle dell’ambiente.
E per farlo i punti su cui sono chiamate a lavorare sono:

  • efficientamento dei servizi di pulizia e raccota di rifiuti;
  • fornitura energetica;
  • fornitura dei servizi idrici;
  • gestione delle infrastrutture e del patrimonio immobiliare.

Smartcities e analisi predittiva

E se tutto avesse il suo epicentro dall’analisi predittive?
Perché le smart cities creano una rete di Intelligenza Artificiale che permette ai suoi componenti di comunicare tra loro.

smart-cities-citta-intelligenti

Photo by Jezael Melgoza on Unsplash

Sempre Giulia Baccarin, afferma che:

La costruzione di modelli di Intelligenza Artificiale consente di prevedere quale sarà il fabbisogno idrico di una città, il consumo energetico di un impianto o se lo stesso è destinato a usurarsi, identificando il 98% dei potenziali guasti con previsioni fino a 6 mesi di anticipo e riducendo fino al 20% i consumi energetici.

Tutto ciò rappresenta un enorme vantaggio per i cittadini quanto per l’ambiente.
Meno consumi, meno impatto ambientale.
Una città più intelligente.
In ottica, soprattutto, di migliorare le condizioni ambientali delle nostre città.

Città sempre più autonome

È così che le nostre città e quelle di tutto il mondo diventano sempre più autonome.
L’obiettivo è di renderle un sistema quasi indipendente che possa dirci con molto preavviso quali sono i settori e le zone della città in cui occorre lavorare maggiormente per renderla più vivibile, più confortevole.

Come abbiamo già anticipato in questo articolo, l’obiettivo delle smart cities è quello di creare, in un’ottica più avanzata, la città artificialmente intelligente caratterizzata da reti di sensori, smart grid, Internet of Things e big data in grado di gestirsi autonomamente senza intervento alcuno da parte dell’essere umano.

Tutto questo è sempre più vicino, e sempre più a portata d’uomo.

Immagine di copertina by ben o’bro on Unsplash