Wasp di Massa Lombarda crea qualcosa di innovativo e avanguardista. In pochi giorni ha costruito moduli abitativi indipendenti grazie alla stampa 3D.

La prima casa costruita interamente in 3D

Si chiama Tecla ed è la prima costruzione stampata interamente in 3D a base di materiali naturali.
Per la realizzazione le stampanti hanno operato simultaneamente creando moduli di qualsiasi forma.

L’azienda di Ravenna dichiara:

«Ha preso forma il modello innovativo di habitat ingegnerizzato da WASP e progettato da Mario Cucinella Architects, un modello di abitazione creata con materiali riutilizzabili e riciclabili, raccolti dal terreno locale, a zero emissioni e adattabile a qualsiasi clima e contesto.»

La stampa 3D che guarda al futuro e all’ambiente

Questo progetto rende chiara la visione futura che unisce ingegneria, architettura e cura dell’ambiente.
Tecla è stata realizzata grazie alla stampante 3D di proprietà dalla Wasp, dal nome Crane Wasp.
Lavorando con il materiale fondante delle costruzioni e delle abitazioni, la terra cruda, porta ad un altro livello l’idea di progetto architettonico in vista di un futuro che può essere più attento all’ambiente e alla salvaguardia del pianeta.

Limitando infatti l’utilizzo di materiali tossici Tecla si presenta come la prima casa costruita interamente in 3D con l’idea di guardare verso il futuro.

Green economy: è questa la chiave

 

pale eoliche green economy

Massimo Moretti, fondatore di Wasp, dichiara:

«Il progetto rappresenta una prospettiva inedita per le costruzioni e i nuovi insediamenti, in cui il valore delle materie prime locali viene amplificato dalla progettazione digitale. Dalla terra informe alla terra in formato casa. Oggi abbiamo il sapere per costruire senza impatto con un semplice click. La tecnologia è ora al servizio dell’uomo e la casa come diritto di nascita è una realtà.»

Tecla verrà conclusa nella Primavera del 2021 e presentata successivamente al pubblico.